OMEOPATIA

RIMEDI COSTITUZIONALI

SECONDO I SINTOMI DELLA SINGOLA PERSONA

TATIANA GIUDICI
OMEOPATIA UNICISTA

 

Riconosciuta dalle Casse malati (assicurazione complementare LCA) – label RME (Registre Médecine Empirique) e registrata all’ ASCA (Fondazione svizzera per la medicina complementare)

 

L’ omeopatia è una medicina complementare che cura numerosi disturbi e malattie prendendo in considerazione – oltre allo stato di salute fisico – anche l’emotività della persona  come ad esempio stress ambientali, sovraffaticamento mentale, lutti,… .

 

 

CAMPI D'INTERVENTO

Traumi minori

L’ omeopatia, nei traumi minori, favorisce una rapida guarigione come ad esempio in caso di ustioni, contusioni, tagli ed escoriazioni, morsi e punture, distorsioni, strappi muscolari, fratture,… .

 

Malattie acute

Le malattie acute hanno un esordio improvviso e generalmente si risolvono naturalmente con il tempo. Nell’ acuto i rimedi omeopatici accelerano il processo di guarigione, come ad esempio nelle infezioni batteriche o virali quali raffreddore, tosse, bronchite, tonsillite, cistite, otite, influenza, malattie infantili, colpi di sole, cinetosi,… .

 

Malattie croniche

Per malattia cronica s’ intende una malattia ad esordio lento e ad andamento prolungato, caratterizzata da una o più cause profonde. Vi è un insieme di sintomi, una vitalità ridotta e disturbi ricorrenti.

L’ omeopatia di fronte a malattie croniche, come ad esempio disturbi ormonali o mestruali, reumatismi o artriti, malattie autoimmuni, iperattività o disturbi d’ apprendimento nei bambini può necessitare di un trattamento prolungato.

 

Il primo incontro con l’omeopata prevede un’ anamnesi accurata che dura circa due ore in cui si metterà a fuoco come l’ organismo manifesta la malattia, comprendendo caratteristiche fisiche  e reazioni emotive. 

L’ omeopata quindi ascolta, pone domande e annota; in seguito effettuerà un’analisi dettagliata dei sintomi esposti (repertorizzazione) e stabilirà il rimedio costituzionale (individualizzato – proprio della persona), il quale agirà sulla totalità dei sintomi manifestati.

 

Dopo circa sei settimane seguirà un secondo incontro per verificare l’azione del rimedio e definire la seconda prescrizione.

 

Da notare che il rimedio omeopatico agirà, quindi, sia sui sintomi fisici che sui sintomi emotivi e mentali.

 

 

INDICAZIONI SOMMARIE DI CURA

  • insonnia

  • depressione

  • ansie e paure

  • allergie

  • sindromi dolorose, nevralgiche, articolari e reumatiche (emicrania, cefalea, cervicalgia, lombalgia, sciatica, reumatismi,… )

  • affezioni del cavo orale e delle vie respiratorie (asma, tonsillite, tosse, bronchite,…)

  • disturbi dell’ apparato intestinale (coliche, colite, stipsi, verminosi intestinale,…)

  • manifestazioni cutanee (acne, eczema, herpes, psoriasi, ascessi,…)

  • malattie esantematiche dell’infanzia (varicella, morbillo,…)

  • affezioni urogenitali (cistite, calcoli renali,…)

  • omeopatia della donna: sindrome premestruale, disturbi della menopausa, gravidanza, parto, allattamento,…

UNICISMO

 

Per omeopatia unicista s’intende l’omeopatia classica (o hahnemanniana) in cui viene selezionato il rimedio che copre la totalità dei sintomi della persona. Nell’unicismo viene utilizzato un solo rimedio alla volta e si attendono i risultati.

L’ omeopatia unicista segue fedelmente i principi di Samuel Hahnemann (1755-1843) fondatore dell’omeopatia, tra i quali troviamo:

 

  • il principio di similitudine in cui una sostanza in grado di indurre determinati sintomi in una persona sana curerà, a dosi omeopatiche, gli stessi sintomi in una persona malata

 

  • la preparazione dei rimedi omeopatici comporta un processo di ultra-diluizione e dinamizzazione di sostanze – anche tossiche – a dosi ponderali, le quali a procedura conclusa perdono la loro qualità di veleni per diventare potenti rimedi